• Tiziana Di Molfetta

Il vero leader

Vi siete mai chiesti chi è un leader? Dico un leader vero. Un Leader c.d. naturale. Io sì… e devo dire che nella vita ne ho incontrati molti (di fasulli!), che si auto-attribuivano un simile valore, in maniera del tutto acritica e autoreferenziale.


Ma, quindi, come riconosciamo un vero leader?


Un leader naturale è colui che non cerca di imporsi comunque, in ogni situazione o a mezzo di intimidazione, bensì colui che sa prendere il controllo solo se e quando veramente necessario.


È colui che osserva attentamente, comprende e valorizza le attitudini dei suoi collaboratori; non agisce in prima persona a tutti i costi. È colui che non ha paura di mettersi in dubbio, ne’ di mettersi in gioco e, se il gioco va a finire male, non attribuisce il fallimento ai suoi collaboratori, ma se ne assume la responsabilità in primis. Così come, d’altro canto, non si prende da solo tutti i meriti del successo, ma li riconosce all’operato dell’intera squadra. È comunicativo e riesce a motivare il team rendendolo affiatato. È un elemento coagulante all’interno del gruppo. Il suo essere, il suo predicare e il suo agire sono sempre coerenti tra loro e comunque ispirati al buon senso.


Per questo è ammirato e rispettato dagli altri, che sono spontaneamente portati a seguirne l’esempio. Ha rispetto per le risorse a disposizione, che siano materiali o umane: non ne abusa mai.

E, infine, sa guardare lontano, oltre quelli che agli altri possono sembrare ostacoli e barriere dinnanzi a un obiettivo. Ma non custodisce gelosamente questa sua capacità di visione: aiuta chi gli sta attorno a estendere altrettanto i propri orizzonti.


E voi… quanti ne conoscete di leader veri?